FORMAZIONE
Master Attivitą Didattiche Elettive European Training Consortium Corsi ECM CHI SIAMO PROGETTI E RICERCHE FORMAZIONE ACCREDITAMENTO CompHP EDITORIA DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIA NEWS
Nel 2008 l’OMS ha presentato i lavori conclusivi della Commissione sui Determinanti Sociali di  Salute nel volume “Closing the gap in a generation”.  Da quel momento numerosi atenei europei, ma non solo, hanno iniziato immettere, nei loro  programmi formativi, forti riferimenti ai concetti di Salute Globale e di determinanti e  diseguaglianze in Salute.  In Italia l’attenzione su tali argomenti prende avvio dal progetto europeo “Equal opportunituies for  health: action for development” guidato da Medici con l’Africa CUAMM di Padova in  collaborazione con l’Università di Bologna, di Firenze e il Segretariato Italiano Studenti in  Medicina (SISM).  Alla luce delle esperienze maturate si è formata una rete (RIISG: Rete Italiana per  l’Insegnamento della Salute Globale) con l’obiettivo di introdurre nei percorsi formativi delle  Università italiane i temi della “Global Health”, in virtù della crescente attenzione nazionale  ed  internazionale sull’importanza che rivestono temi della Salute Globale nella completa formazione  del futuro operatore sanitario, e non solo.  A seguito di questo input e delle precedente esperienza condotta in questa Facoltà con l’ADE  “Salute Globale ed Equità in Salute” per l’anno accademico 2008/09, da tre anni è stata proposta  una nuova attività didattica elettiva dal titolo “Salute Globale, Diseguaglianze in Salute e  Cooperazione Internazionale” per l’AA 2010/2011 e “Equal Opportunities for Health, Action for  Development” per l’AA 2011/2012 e 2012/2013   Visto il riscontro molto positivo, sia di numerosità degli studenti partecipanti, sia delle valutazioni  da loro stessi effettuate, si propone, un’attività didattica elettiva (ADE) rivolta ai CdL Magistrali di  Medicina e Chirurgia e di Odontoiatria e Protesi dentaria, e alle Lauree triennali della Facoltà di  Medicina e Chirurgia.  OBIETTIVI FORMATIVI:  Un ruolo di primaria importanza, all’interno dell’ADE da noi proposto, è rivestito dalla valutazione,  condotta da ogni attore del precorso formativo (organizzatori, docenti e discenti). Dovrà quindi  essere mirata a: dimostrare se un percorso educativo ha raggiunto i suoi obiettivi;  capire come può essere migliorato;  migliorare il rapporto di reciprocità docente/discente nel processo di formazione.  In quest’ottica abbiamo organizzato diverse modalità di valutazione dell’ADE stessa:  Una valutazione al termine di ogni incontro, attraverso apposite schede di valutazione, per  controllare il gradimento della lezione da discutere all’inizio dell’incontro successivo,  Il coinvolgimento nel processo valutativo di due studenti, diversi per ogni incontro, che,  superando l’ovvia difficoltà a criticare attraverso schede valutative, possano, all’inizio di  ogni incontro, restituire a docenti e discenti, le impressioni che gli studenti hanno avuto  dell’incontro e delle modalità di insegnamento proposte.  Una valutazione finale partecipata tra studenti e discenti  Verranno condivise, mediante incontri successivi o materiale in rete, le tesine prodotte dagli  studenti in modo da creare un migliore passaggio di conoscenze degli argomenti che non sono  sicuramente esauribili all’interno dei sei incontri proposti.  E’ obbligatoria la presenza ad almeno 5 incontri sui 6 proposti. 
· · · · · · indietro torna su
Obiettivi formativi
CeSPES
Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l’Educazione Sanitaria
(Telefono: 075.585-7357/8036 - *Email: centro.cespes@unipg.it Via del Giochetto, n°6 - 06126 - Perugia, Italia Piazzale Gambuli,1 - 06132  -Perugia, Italia